acquaticità neonatale

ACQUATICITA’ NEONATALE

L’acquaticità neonatale rappresenta un’occasione per il genitore di rapportarsi giocando con i propri figli in un ambiente stimolante per entrambi. È un’esperienza arricchente, che incoraggia l’intraprendenza, l’ascolto e rappresenta un’occasione di incontro con altre famiglie. Il setting acqua è gratificante e al contempo contenitivo, lo spazio privilegiato per favorire lo sviluppo motorio, cognitivo ed emotivo del bambino, considerato sempre nella sua globalità.

PER IL GENITORE:

•    Dedicarsi un momento esclusivo con il proprio figlio in cui divertirsi e rilassarsi;
•    Apprendere nuove modalità di interazione con il bambino, nuovi giochi e attività, che potrà riproporre e sperimentare anche in contesti diversi;
•    Imparare a lasciare al bambino lo spazio di sperimentare e raggiungere la propria autonomia, ma essere sempre pronto a rassicurarlo e incoraggiarlo;
•    Ridurre eventualmente la propria paura dell’acqua e migliorare il proprio livello di acquaticità;
•    Confrontarsi con l’operatore e con gli altri genitori.

PER IL BAMBINO:

•    Raggiungimento di una precoce autonomia acquatica;
•    Rinforzo del sistema circolatorio, respiratorio e muscolo-scheletrico grazie alla pressione idrostatica e al continuo movimento che il bambino compie in acqua;
•    Rinforzo del sistema immunitario;
•    Spinta allo sviluppo degli schemi motori di base e allo sviluppo intellettivo (attenzione, memoria, concentrazione, stereognosia), grazie a una stimolazione sensoriale “differente” rispetto a quella terrestre;
•    Stimolo alla coordinazione e all’equilibrio;
•    Sviluppo e affinamento della motricità grossolana e fine:

PERIODO: da 3 mesi a 36 mesi.

riabilitazione in acquaVideo: la nostra storia, il nostro centroApertura Nuovo Centro OrtopedicoVideo Saro CappelloSezione Invaso M.A.S.Back_Stage_2015Back_Stage_2015